Non sono sempre stato buono con lei, anzi, di solito ero un figlio di puttana. La amavo tanto e non sapevo cosa fare. Invece di darle ciò che sentivo, di colmarla di quell’amore aspro, me la inghiottivo. È una cosa che non riesco ancora a capire: il suo amore mi arrivava senza problemi, il mio invece non fluiva verso di lei. Credo che il suo amore reprimesse il mio. Lei e il suo amore formavano una sostanza densa in cui il mio amore ed io rimanevamo impantanati, allora diventavo una furia e lei non riusciva a capirlo. L’ho trattata male molte volte perché ero disperato, ma l’amavo più della mia stessa vita e, quando se n’è andata, la mia vita si è spenta.
― Efraim Medina Reyes
matulosai?

ascolto canzoni e ti penso; che siano romantiche, che siano tristi, che siano allegre, c’è sempre qualcosa di te.
la verità è che sei in tutte le cose.
non importa cosa, non importa quanto, ma tu sei sempre tutto.
sei il mio tutto e lo sai (?).

hai mai notato che a parlar di te non riesco a star tranquilla?
ho sempre avuto questo problema a rimanere lucida, con te - in particolare.
e poi lo sai che son stordita, ho appena dimenticato la giacca nell’altro ufficio; ma il sole era così bello e caldo, e poi ti pensavo talmente tanto, non connettevo più.
sei la mia luce e lo sai (?).

stanotte ho fatto una fatica immensa ad addormentarmi: te n’eri andato e non volevo nemmeno alzarmi dal divano. oltretutto c’era il nostro gatto, che è stordito come me, che s’era addormentato seduto sulla mia pancia e allora pendeva ed è caduto!
sei la mia risata, sei il mio calore e lo sai (?).

mi piace sentire la nostra pelle nuda a contatto, mentre ci raccontiamo tutti i nostri pensieri, mentre ci accarezziamo il viso al buio e comunque vedo la luce che hai negli occhi. a dire la verità, lo amo quasi quanto amo te. sarebbe bello che quei momenti fossero infiniti, ma mi basta l’infinito che trovo nel nostro incastrarci perfettamente l’uno nell’altra.
sei il mio infinito e lo sai (?).

lo sai che non potrei mai separarmi da te?
sarebbe come separarmi da me, perché ti porteresti via il ‘noi’.
ma tanto non ti lascio andare via, tanto sei mio e lo sai (?).


e poi « ..per noi non è mai tardi ». (elosai)

canzonidedicateeacidità

Oca: Mi hanno dedicato questa canzone e più l’ascolto più mi piace!

(Babaman - L’ho vista; ad un certo punto dice che sembra una gatta)

Io: Più che una gatta, a me quella sembra una cagna.